martedì 19 giugno 2018

Qi Jiguang

Risultati immagini per Qi Jiguang


Qi Jiguang (戚繼光, 戚继光, Qī Jìguāng, zi: Yuánjìng (元敬), soprannominato prima Nántáng (南塘), in seguito Mèngzhū (孟諸, 孟诸).; Luqiao, 12 novembre 1528 – Luqiao, 5 gennaio 1588) è stato un militare cinese. Fu un famoso generale ed eroe nazionale dell'epoca della dinastia Ming. Si distinse per il suo ruolo in una campagna contro gli attacchi di pirati giapponesi. Si occupò inoltre di rinforzare e accrescere la Grande Muraglia Cinese.

Biografia

I primi anni

Qi Jiguang nacque nella città di Luqiao (鲁桥), nella zona a sud-est della zona amministrativa di Jining (济宁), nello Shandong, da una famiglia di lunga tradizione militare. Un suo antenato servì come comandante militare sotto Zhu Yuanzhang e morì in battaglia. Quando Zhu Yuanzhang divenne imperatore, assegnò alla famiglia Qi il titolo ereditario di Comandante in Capo della guarnigione di Dengzhou (登州), odierna Penglai (蓬莱).
Qi Jingtong (戚景通), il padre di Qi Jiguang, era un uomo retto e onesto e istruì il figlio nella morale. All'età di 17 anni, quando Jingtong morì, Jiguang gli succedette nel comando della guarnigione di Dengzhou. Come i suoi fratelli erano ancora giovani, si sposò con Wang e lasciò gli affari domestici a lei. Oltre a costruire la difesa navale alla guarnigione, dovette anche portare le sue truppe per aiutare nella difesa di Jizhou (薊州, a est dell'odierna Pechino) contro i predoni mongoli orientali nella primavera 1548-1552.
A 27 anni, partecipò con le sue truppe alla difesa di Jimen (蓟门, oggi Changping 昌平, nord ovest di Pechino). A 28 anni superò con successo gli esami militari provinciali e, a 29 anni, si recò a Pechino per sostenere alla sezione di arti marziali l'esame imperiale finale. Durante questo esame, le truppe mongole orientali comandate da Altan Khan penetrarono nelle difese del nord e assediarono la capitale. I candidati, e quindi anche Qi Jiguang, vennero mobilizzati per la difesa. Qi si distinse per il suo straordinario valore e ingegno militare durante la battaglia, che alla fine vide la sconfitta degli invasori.

I pirati giapponesi

Nel 1553, Qi Jiguang venne promosso a Dou zhi hui qian shi (都指揮僉事, commissario militare provinciale) dello Shandong contro le incursioni dei pirati giapponesi (倭寇, Wokou), portoghesi e asiatici del sud-est, ma erano per lo più cinesi. Quando Qi Jiguang assunse la commenda della difesa costiera dello Shandong, aveva meno di 10.000 soldati a portata di mano, anche se la forza registrata era di 30.000. Inoltre, la maggior parte dei disertori erano uomini giovani e forti, che avrebbero potuto trovare una vita altrove, lasciando dietro il vecchio e il debole. Le truppe mancavano anche di formazione e disciplina, mentre le opere di difesa erano fatiscenti a causa degli anni di negligenza. Qui riordinò le sue truppe e rinforzò le difese.
Alla fine del 1555, Qi Jiguang venne spedito nel Zhejiang, dove la situazione era più compromessa: i pirati giapponesi avevano stretto alleanze con i banditi locali, diventando molto potenti. Qi Jiguang, assieme ad altri famosi generali dell'epoca, Yu Dayou (俞大猷) e Tan Lun (譚綸), condusse i soldati Ming alla vittoria decisiva presso Cengang (岑港) nel 1558. Le sue truppe distrussero le ultime resistenze dei pirati hiapponesi presso Taozhu (桃渚), la guarnigione Haimen (海門衛) e Taizhou (台州). Dopo la vittoria a Cengang, Qi Jiguang non solo non venne accreditato per il suo valore, venne quasi retrocesso sopra calunnia che ebbe mantenuto contatti con i pirati giapponesi.
Con la situazione nel Zhejiang sotto controllo, Qi Jiguang si concentrò sulla disciplina e l'organizzazione delle truppe. Egli prese principalmente minatori e contadini dalla contea di Yiwu (义乌), perché era convinto che le persone di questa contea fossero onesti e lavoratori. Egli inoltre seguì la costruzione di quarantaquattro vascelli di diverse dimensioni da utilizzare contro i pirati in mare.
La prima messa alla prova per la nuova armata di Qi Jiguang arrivò nel 1559, con una battaglia di oltre un mese nella prefettura di Taizhou contro i pirati giapponesi, che soffrirono cinquemila perdite. L'esercito di Qi Jiguang stabilì così un nome per se stesso sia tra la gente del Zhejiang sia tra i suoi nemici.
Come risultato delle campagne militari di Qi Jiguang nel Zhejiang, i pirati giapponesi spostarono la loro attenzione alla provincia del Fujian, dove più di diecimila pirati costituirono delle roccheforti lungo le coste, nell'area da Fu'an (福安) a nord, fino a Zhangzhou (漳州) a sud. Nel luglio 1562, Qi Jiguang condusse seimila soldati d'élite nel Fujian, sradicando entro due mesi i tre maggiori centri dei pirati presso Hengyu (橫嶼), Niutian (牛田) e Lindun (林墩).
Siccome le sue truppe avevano subito perdite e molti soldati erano feriti o ammalati, vedendo sottomessa l'infestazione straniera, Qi Jiguang si ritirò allora nel Zhejiang per raggruppare la sua forza e i pirati ne approfittarono per riconquistare il Fujian, dove conquistarono Xinghua (興化, oggi Putian). Nell'aprile del 1563, Qi Jiguang tornò nel Fujian con diecimila soldati riconquistando Xinghua. L'anno successivo, una serie di vittorie decisive dell'esercito imperiale di Qi Jiguang risolse finalmente in modo definitivo il problema dei pirati nel Fujian.
Nel settembre 1565, si combatté la battaglia decisiva presso l'isola di Nan'ao (南澳), vicino al confine tra le province del Fujian e Guangdong, che sancì la definitiva sconfitta del resto della forza combinata di pirati giapponesi e cinesi con di nuovo l'apporto delle forze comandate da Qi Jiguang e dal suo vecchio compagno Yu Dayou.

La difesa del Nord

Alla fine del 1567, con la situazione dei pirati lungo la costa sotto controllo, Qi Jiguang venne chiamato a Pechino per assumere l'incarico dell'addestramento delle guardie imperiali.
Con la rivolta contro la dinastia Yuan a metà del XIV secolo, Zhu Yuanzhang guidò i mongoli a nord al di là della Grande Muraglia Cinese e fondò la Dinastia Ming. Tuttavia, egli non riuscì a indebolire il potere mongolo, che continuerà a tormentare il fronte nord della Cina per i prossimi duecento anni. Quando Qi Jiguang era a Pechino nel 1550, Altan Khan, capo dell'ala destra dei mongoli, sfondò le difese del nord e quasi abbatté Pechino. Nel 1571, la Dinastia Ming conferì il titolo di "Signore Shunyi" (順義 王) al momento di Altan Khan e stabilì il commercio con i mongoli. Poi Altan Khan proibì ai suoi subordinati di razziare gli insediamenti cinesi. Tuttavia, l'ala sinistra dei mongoli guidati da Jasaghtu Khan continuò a testare le difese di Qi Jiguang, ma senza molto successo.
L'anno successivo, gli verrà assegnato il comando delle truppe in Jizhou per difendere l'impero dalle incursioni mongole. In questo periodo, tra il 1567 e il 1570, Qi Jiguang fece riparare e rinforzare la sezione della Grande Muraglia, aggiunse mattoni a delle sezioni in terra battuta e costruì 1.200 torri di guardia dal passo Shanhai al passo Juyong per avvertire dell'avvicinamento dei predoni mongoli. Dopo due anni di duro lavoro, diede la capacità difensiva nel nord un grande impulso. La sede del comando centrale, da cui diresse la difesa di Pechino, era un imponente edificio, alto quattro metri e mezzo.
Nell'inverno del 1572, egli diresse anche le esercitazioni militari di oltre centomila soldati per oltre un mese. Da questa esperienza della manovra, egli scrisse il Lianbing shi ji (練兵實紀, ricordi delle reali esercitazioni militari), che divenne un riferimento insostituibile per capi militari dopo di lui. Nel periodo in cui Qi Jiguang si trovò in Jizhou, non un cavaliere mongolo attraversò la Grande Muraglia entrando in Cina.

La morte

Nel 1583 precoce, Qi Jiguang venne sollevato dal suo dovere sulla frontiera settentrionale e gli venne assegnato un posto inattivo in Guangdong. Ma la sua salute già ammalata peggiorò nei successivi due anni, costringendolo a ritirarsi nella sua città natale, Luqiao, nel 1585. Morì infine nel 1588, giorni prima del Nuovo Anno Lunare. La sua vita è stata probabilmente riassunta meglio dalla sua propria poesia: Trecentosessanta giorni all'anno, tengo la mia arma pronta in cima al mio destriero.

Libri di Qi Jiguang

Ha scritto Jixiao Xinshu (纪效新书), Lianbing shi ji (练兵实纪), Li rong yaolue (莅戎要略), Wubei xinshu (莅戎要略). Ha inoltre composto dei poemi, raccolti in Zhizhi tang ji (止止堂集).


Ora siamo anche su YouTube col nostro nuovo canale ufficiale.
Iscriviti subito!!!
È già online: https:
//www.youtube.com/channel/UCSD5KRz-vJqXdVj24ACIJqA?view_as=subscriber

2 commenti:

  1. Heya! I'm at work browsing your blog from my new
    apple iphone! Just wanted to say I love reading your blog and look
    forward to all your posts! Carry on the excellent work!

    RispondiElimina
  2. I like what you guys are usually up too. This sort of clever work and exposure!

    Keep up the great works guys I've added you guys to our blogroll.

    RispondiElimina