mercoledì 6 luglio 2011

Le origini del combattimento a mani nude russo


Un esempio di 19° SECOLO LA CANZONE RUSSA EPIC Vassiliy BOUSLAIEV.






RUSSO CHROMO 18° secolo.


UN Geisler INCISIONE 17° secolo. "La lotta Russa a Mosca."

In origine (le truppe) dei principi utilizzavano i metodi di combattimento corpo a corpo come mezzo di preparazione per i guerrieri di professione. Documenti storici (la storia russa ed europea del Medio Evo), e le canzoni epiche e leggende, forniscono le prove di questa affermazione. I canti epici che hanno resistito alla prova del tempo e all'oblio, sono le migliori fonti di informazione.
Abbiamo ancora in nostro possesso delle testimonianze con una sorprendente descrizione dettagliata delle tecniche di combattimento corpo a corpo russo.
In tutti i canti epici, senza eccezione, l'importanza del combattimento corpo a corpo era fondamentale. In generale i guerrieri non smettevano di combattere senza che uno di loro vincesse, si arrivava al combattimento corpo a corpo, una volta scesi dai loro cavalli.
Ricerche approfondite dimostrano che la tecnica del vecchio combattimento corpo a corpo russo di cui i canti epici riportano le vicende, ricorda molto il Pankration dell'antica Grecia. E' più che possibile che questa non sia una coincidenza. I legami culturali e religiosi con l'impero bizantino contribuirono, per molti secoli, all'assimilazione di una serie di elementi del combattimento corpo a corpo delle Olimpiadi dell'antica Grecia da parte dei soldati russi.
Nel Medioevo l'ambiente religioso emise dei divieti sulla lotta corpo a corpo. Tuttavia, le arti marziali russe, trovarono le loro radici negli antichi giochi slavi pagani, arricchendosi con le tecniche dell'antica Grecia, creando così un'arte coerente, originale e diversificata. Dopo averle separate dai riti pagani, i russi gli attribuirono i valori spirituali bizantini senza perdersi nell'eccessiva razionalità greco-romana, ciò finii per rendere l'arte marziale russa inseparabile dalla cultura popolare.
La forza e le capacità dei più forti nel combattimento corpo a corpo spesso hanno giocato un ruolo nell'esito di qualsiasi battaglia. Secondo lo storico V. Klutchevskiy il combattimento corpo a corpo faceva parte di un'arte che faceva parte di un complesso sistema per la preparazione di un guerriero. Le lotte collettive "Stenka ha stenkou" rappresentavano uno sviluppo delle tecniche marziali.

1 commento:

  1. Sweet blog! I found it while browsing on Yahoo News.
    Do you have any suggestions on how to get listed in Yahoo News?

    I've been trying for a while but I never seem to get there!
    Thank you

    Stop by my blog - dating online (bestdatingsitesnow.com)

    RispondiElimina