sabato 13 agosto 2011

Le schivate nel Tang Soo Do

L'ideogramma cinese "MOO" : significa "marziale" o "militare" e in realtà è l'unione di due caratteri cinesi:












che significa "prevenire" o "stop" e "non volere".

che significa "spada" o "lancia" e anche "conflitto" o "guerra"


Quindi, in realtà, la parola "militare" significa "non vogliamo la guerra" o "prevenire la guerra". Inoltre, "difesa" si traduce letteralmente in "fermare la lancia", che è lo stesso di "militare". Questo è l'obiettivo principale del Tang Soo Do.

L'obiettivo finale per uno studente esperto di arti marziali è di "non combattere ottenendo comunque la vittoria". Tuttavia, una volta che il combattimento ha avuto inizio, l'artista marziale dovrebbe vincere, anche quando è in una situazione di serio svantaggio" (KEE Hwang KJN nel libro "Tang Soo Do", vol. 1, capitolo 1. Pagina 4).
Se si parla di "ottenere la vittoria ...", ovviamente, vuol dire che esiste già uno scontro o un conflitto che si concluderà in una "vittoria o una sconfitta per me," e "ottenere una vittoria senza combattere," è l'unico modo RAGIONEVOLE DI RISOLVERE IL CONFLITTO CON IL MIO AVVERSARIO.
Quindi, a differenza di quanto molti pensano e che non capiscono delle arti marziali, è che la prima opzione, che un serio praticante di arti marziali di fronte ad un conflitto, avvierà è di "cercare di ragionare e risolvere il conflitto senza violenza." In altre parole, utilizzando la Diplomazia.
Quando questa prima opzione non funziona o non è possibile applicarla (per esempio, quando il mio avversario ha già lanciato il suo colpo contro di me), si passa alla seconda opzione: "Tuttavia, una volta che il combattimento è iniziato, l'artista marziale deve essere in grado di vincere anche quando è in grande svantaggio. "
E voglio sottolineare il punto "... deve vincere, anche quando si è in grande svantaggio."
Per diversi anni per spiegare alcune strategie del combattimento durante le lezioni ho utilizzato il seguente confronto con i miei studenti:
"Se il nemico attacca ed è molto più grande e più forte di me, restare fermo e cercare di fermare il colpo per cercare a mia volta di "colpire l'avversario" è un po' suicida ... soprattutto se l'attaccante è di peso e forza superiore alla mia.
Avete mai visto una corrida, anche una parte?
Tutti di solito dicono "Sì".
"Allora avrete visto un toro del peso approssimativo di 500 o 600 chili e più confrontarsi con un matador di 70 o 80 chili, che schiva le corna affilate del toro, che potrebbero ucciderlo.
Non fa questo per sfuggire al toro, ma muove il corpo quanto basta per uscire dalla linea di attacco. E il toro si stanca di fallire ancora e ancora.
Poi nella fase finale, il matador prende una spada, si trova di fronte al toro, e quando affonda, schiva di nuovo mentre gli immerge la sua spada, per uccidere il toro.
Si possono fare molte obiezioni sulle corride, ma in questo contesto concentriamoci solo sugli aspetti strategici del torero durante lo svolgimento della corrida, vediamo come il torero usa la sua abilità e intelligenza per evitare gli attacchi mortali di un avversario fisicamente molto più potente.
Le schivate agli attacchi del toro sono una dimostrazione della strategia migliore possibile da seguire di fronte ad un avversario più potente ("... anche se il tuo risulta essere uno svantaggio serio"): è necessario "torearlo" farlo fallire ancora e ancora fino a quando è stanco e, magari, decide di smettere di combattere.
In questo caso "viziare il nemico" comprende non "solo schivate" ma anche "blocchi".
La parte di un solo colpo che uccide il toro non è quello che voglio che imitiate, ma se il vostro avversario è colpevole di insistere a tentare di colpirvi, si dovrebbe cercare con un "colpo di neutralizzare le sue possibilità offensive" (o premendo dei gangli nervosi, niente leve o soffocamenti che possono essere mortali ... solo in una lotta per la VITA O LA MORTE sono consentite queste tecniche). Deve essere fatto con "un colpo", perchè potreste non avere più di un'occasione.
Circa l'ultima frase nelle arti marziali coreane c'è il "Il Sung Pil Kyoko", che si traduce come "un colpo, Vittoria sicura" che sottolinea la necessità di sviluppare efficaci colpi con cui neutralizzare subito più di un aggressore.
Questo non significa negarsi l'opportunità di sviluppare e applicare combinazioni di colpi, ma potresti non avere tre o quattro occasioni per colpire un VERO attaccante.
In realtà, qualsiasi attività che non segue i principi sopra esposti, spiega ancora KJN Hwang KEE MOO DO, non seguirà lo spirito del Tang Soo Do (Tang Su Do).
Tuttavia, rimanendo solo sulle proprietà FISICO-IMPEGNO STRATEGICO, gli spostamenti del torero quando affronta il toro che lo carica sono un buon esempio di come si deve spostare un praticante di Tang Soo Do (Tang Su Do) contro un avversario potente.

1 commento:

  1. Aw, this was a very good post. Taking the time and actual
    effort to make a great article… but what can I say…
    I hesitate a whole lot and never manage to get anything done.


    Feel free to surf to my blog :: dating Sites (http://bestdatingsitesnow.com)

    RispondiElimina