sabato 3 settembre 2011

Medicina Tradizionale Cinese

Definita impropriamente come "medicina alternativa", la M.T.C. ha un suo corpus scientifico completo e applicabile in qualsiasi area medica, costruito sulla base di un concetto fondamentale: l'equilibrio tra le parti. Questo significa che è necessario valutare l'organismo come un sistema complesso di parti inseparabili e in costante relazione, sia nel corpo che nell'ambiente circostante. Ogni modificazione ambientale potrebbe causare alterazioni funzionali nell'uomo e viceversa. La M.T.C. si avvale di strumenti diagnostici vari e funzionali, di profonde conoscenze teoriche e di originali nonché efficaci strumenti terapeutici. L'apparato teorico che è alla base della M.T.C. si fonda su concetti filosofico-scientifici che governano l'intero universo. Principali tra questi sono il principio di interrelazione degli opposti "Yin e Yang" e le leggi che regolano i rapporti tra i "cinque elementi" presenti in natura (acqua, legno, metallo, terra, fuoco). L'anatomia del corpo umano, vista in modo differente rispetto a quella occidentale, è basata sullo studio degli organi interni "Zang Fu", delle loro funzioni e relazioni con tutto il resto, e sulla conoscenza del percorso dei canali e dei collaterali all'interno del corpo, con i loro punti energetici. Una trattazione a parte viene riservata al sangue, all'energia vitale dell'uomo ("Chi") e ai vari fluidi corporei. Lo studio dell'eziologia è un elemento veramente nuovo in campo medico, poiché la M.T.C. non lavora solo nella direzione della soppressione del sintomo, ma anche e soprattutto sulla individuazione delle cause patogene scatenanti. Vengono perciò differenziate le diverse sindromi attraverso più metodi diagnostici, per poi intervenire con tecniche manuali di massaggio, digitopressione e tecniche di agopuntura, moxibustione, martelletto e coppettazione. Come esposto nell'introduzione generale al kung fu, la M.T.C. è intrinsecamente connessa alle arti marziali, sia per la base filosofica che le accomuna, sia per l'utilità che uno dei due campi di azione apporta all'altro per il benessere psicofisico dell'uomo.

Chi Kung

Il Chi Kung è strettamente connesso alla M.T.C. per le sue implicazioni terapeutiche. La sua funzione di "potenziare il Chi" è indispensabile, quindi, nella prevenzione e nella cura delle patologie e nel rafforzamento del potenziale difensivo e offensivo sfruttato nelle arti marziali. Il "Chi" è un tipo di energia che non si vede e non si può toccare, ma che trasmette informazioni di varia natura e che, attraverso la pratica del Chi Kung, viene riequilibrata, potenziata e canalizzata all'interno del corpo.
Gli elementi fondamentali del Chi Kung sono:
  • l'impostazione di una corretta postura;
  • la regolazione della respirazione;
  • il rilassamento psicofisico;
  • l'atteggiamento mentale.


Pratica conosciuta già nell'800 a.C., il Chi Kung si è sviluppato nel corso dei secoli fino ad oggi, vantando una tradizione millenaria. Attualmente in Cina esistono persino ospedali di solo Chi Kung, dove vengono curati in prevalenza i malati di tumore. Tecnicamente, questa pratica consiste nell'assunzione di posizioni statiche o in movimento, abbinate a un particolare tipo di respirazione e a un particolare stato di coscienza. Attraverso i movimenti degli arti e della respirazione, viene effettuato un massaggio agli organi interni che richiama Chi e sangue, il che nutre l'organo stesso migliorandone l'efficienza. Ormai l'esistenza del Chi e del suo percorso nei canali energetici è stata ampiamente dimostrata da apparecchiature scientifiche e dalla dimostrazione di vari maestri praticanti, in grado di emettere dal palmo della mano un flusso di diverse particelle osservabili, tra cui raggi infrarossi ed elettricità statica.



1 commento:

  1. Thanks for finally talking about > "Medicina Tradizionale Cinese" < Liked it!

    Here is my blog post ... dating online (bestdatingsitesnow.com)

    RispondiElimina