domenica 12 febbraio 2012

Le tecniche delle arti marziali


Tradizionalmente, le arti marziali vengono identificate come le arti marziali che hanno avuto origine in Asia. Tuttavia, quando la comprensione delle arti marziali si è ampliata, si è visto come molte arti del combattimento create al di fuori dell'Asia abbiano cominciato ad essere etichettate come arti marziali.
Le tecniche di arti marziali sono disponibili in diverse forme. Ci sono delle tecniche a mani nude durante le quali il praticante non ha un'arma. Queste comportano generalmente pugni, calci e tecniche di grappling. Ci sono delle tecniche diverse con le armi - coltello, bastone e altre armi da taglio. Ci sono anche le tecniche di disarmo e di auto-difesa, durante le quali il praticante cerca specificamente di primeggiare su di un aggressore.
Le arti marziali possono anche includere tecniche più "morbide", come le tecniche e gli esercizi di respirazione, e le tecniche e di meditazione.

  • Tecniche di soffocamento
Le tecniche di soffocamento, sono delle prese applicate ad un avversario al collo dell'attaccante che possono causare perdita di conoscenza o morte. Sono comunemente utilizzate negli sport di combattimento, dalle forze dell'ordine, nelle arti marziali tradizionali e nell'autodifesa. Nei film classici, il cattivo o un mostro avvolge le sue mani possenti attorno al collo della sua vittima e stringe. In realtà, una tecniche di soffocamento richiede meno energia fisica di quanto si pensi soprattutto se utilizziamo una leva o gli abiti del nostro avversario per rendergli difficoltosa la respirazione, il flusso di sangue al cervello o entrambi.
Ci sono due categorie principali di strozzatori. Coloro che comprimono i passaggi delle vie aeree superiori, causando una potente risposta, dolore e soffocamento. E coloro che comprimono le arterie carotidee e le vene giugulari (principali vasi sanguigni cerebrali), interrompendo la circolazione del sangue al cervello e portando rapidamente una persona ad essere priva di conoscenza.



  • Leve articolari Blocchi articolari
Nelle arti marziali è comune manipolare i polsi, gomiti, ginocchia, ecc, oltre il loro normale range di movimento, al fine di rompere o dislocare le ossa, muscoli, tendini o strappare i legamenti.


  • I calci Kicks
I calci sono colpi che coinvolgono le gambe, ginocchia, piedi o dita dei piedi. A seconda della volontà del praticante, delle sue capacità e/o velocità, i calci semplici, come il calcio frontale, laterale, posteriore o circolare, possono generalmente essere effettuati in due modi. In primo luogo, il praticante deve essere in grado di fornire al calcio uno scatto rapido del ginocchio e dei fianchi. In secondo luogo, egli può fornire una spinta potente per fornire una forza concentrata alla gamba che calcia. I calci avanzati richiedono un migliore equilibrio, velocità e stile da parte del praticante per essere eseguiti con successo. Questi calci possono anche essere eseguiti in combinazione con altre tecniche. Oltre ad essere usati come armi offensive, alcuni stili utilizzano i calci per respingere un avversario o per bloccare e/o deviare i colpi di un attaccante. Fino a quando le arti marziali asiatiche non sono diventate comuni in Europa e Nord America intorno al 1970, i calci durante i combattimenti erano considerati vili. Questa errata percezione si era venuta a creare a causa degli atteggiamenti degli americani e dei britannici durante la prima e la seconda guerra mondiale verso i praticanti di Savate francesi. Perché i savateurs francesi usavano i calci, e per gli anglofoni dell'epoca chi tirava i calci durante un combattimento era considerato un debole. Per fortuna, i tempi sono cambiati.
  • Le tecniche di percussione Scioperi
Caratterizzato da un colpo fisico con qualsiasi parte del corpo o un oggetto inanimato, le tecniche di percussione hanno lo scopo di causare dolore, lesioni o la morte di un avversario. Gli artisti marziali, per colpire di solito utilizzano le gambe o le braccia. Per le gambe, il praticante colpisce con il piede o con le ginocchia. Per le braccia, usa i gomiti, polsi, pugni o le dita in una varietà di modi. Le tecniche di percussione possono essere eseguite con le dita, singole o in combinazione con tecniche di percussione ai tessuti molli e ai punti vitali. A volte il praticante può tenere la mano a formare una stretta ad artiglio per strappare la carne o comprimere i tessuti molli e i punti vitali. A seconda dell'arte marziale, la testa, le spalle, i glutei e i fianchi possono essere usati anche loro per colpire un avversario.



  • Generare un atterramento Genera / Takedowns
In passato, gli atterramenti erano comunemente associati al judo e con il wrestling. Tuttavia, con la diffusione delle arti marziali e l'aumento delle arti marziali miste, gli atterramenti sono diventati sinonimo della maggior parte degli sport basati sulle arti marziali e di ispirazione per il combattimento, come nel Brazilian Jiu-jitsu, judo, jujutsu, sambo, Shuai Jiao, sumo e wrestling. Generare un atterramento si riferisce a quando un operatore afferra il suo avversario e cerca di portarlo a terra. Il praticante con l'atterramento si prefigge lo scopo di ottenere il controllo sul suo avversario con una manovra di atterraggio in una posizione di potere, quando entrambi i combattenti finiscono a terra.

  • Tecniche con le armi Tecniche di armi
Le tecniche delle arti marziali con armi si riferiscono alle armi non ballistiche. Storicamente, le prime armi conosciute erano semplici (legno, osso, pietra), l'individuo che le possedeva e sapeva usarle aveva un vantaggio sui suoi avversari disarmati. Ciò ha portato ai conflitti armati in cui entrambe le parti possedevano delle armi. Con entrambi gli avversari armati, si è reso necessario sviluppare tecniche di utilizzo dell'arma per sconfiggere gli avversari - piccole differenze nella tecnica e nella tempistica potevano significare la differenza tra la vita e la morte. Le varie età archeologiche (Pietra, del Bronzo e del Ferro), ci dimostrano l'evoluzione delle armi che erano sempre più sofisticate, efficienti, forti e letali. Armi più complesse spesso richiedevano metodi di allenamento più avanzati: così è iniziata la corsa agli armamenti. Come le armi delle arti marziali si sono evolute, così hanno fatto le tattiche difensive. Specifiche tecniche con le armi difensive includevano blocchi, parate, utilizzando un oggetto (cioè, scudi). Le tattiche offensive furono elaborate sulla base dell'arma se era un palo/appuntita (spade, coltelli, pugnali, asce, mazze e armi in asta), o un proiettile (a mano lanciata e dispositivo armi da tiro ). Le manovre offensive per lo più erano incentrate su tecniche – oscillanti, spinta, per affettare, colpire, randellare, tagliare, il proprio avversario. Molte di queste tecniche sorprendentemente somigliavano alle tecniche eseguite a mani nude, tali movimenti, ispirarono in tal modo la filosofia che le armi sono un prolungamento della mano.

Nessun commento:

Posta un commento