sabato 18 agosto 2012

La segretezza nella pratica moderna delle arti marziali

 

La segretezza è una lunga tradizione nelle arti marziali. Quando si analizza come la maggior parte delle arti marziali si è sviluppata, è facile capire il perché.
Prendiamo il kenjutsu (l'arte della spada) del Samurai per esempio. Un Sensei di kenjutsu era incaricato di formare i suoi discepoli trasmettendogli le più letali abilità che cosceva. Quegli uomini avrebbero poi utilizzato le loro tecniche sul campo di battaglia combattendo per il loro daimyo. Purtroppo, durante il periodo degli Stati Combattenti, pugnalarsi alle spalle e cambiare alleato era così comune da apparire quasi insignificante. Il daimyo cambiava alleanze a seconda di ciò che poteva elevare il suo status o salvarlo dalla distruzione. Era anche pratica comune i matrimoni tra i clan, che spostavano il potere delle alleanze. I Samurai erano spesso condannati a seguire il proprio signore, anche lottando contro i clan che un tempo erano considerati alleati.
Questi cambi di alleanze potevano avvenire in fretta, anche nel bel mezzo di una guerra. L'esito di una delle battaglie più famose della storia giapponese, la battaglia di Sekigahara, fu significativamente influenzato da alcuni comandanti che furono poco correttamente persuasi a cambiare casacca prima che la battaglia ha avesse luogo.
Immaginate ora se un istruttore esperto di kenjutsu avesse trasmesso i suoi insegnamenti a chiunque senza distinzione, condividendo di tutto quello che sapeva con chi aveva studiato con lui, come sarebbe potuto accadere che le nozioni trasmesse venissero usate contro di lui?
Questo comportamento reticente persistette anche dopo che il Samurai divenne meno necessario sul campo di battaglia. Le scuole di spada spostarono la loro attenzione dalle grandi grandi battaglie ad uno sviluppo più individuale. Fu in questo periodo che il musha shugyo divenne tanto popolare. I Samurai erranti testavano le loro abilità contro altri maestri per farsi un nome. Se un Maestro trasmetteva la sua conoscenza e le sue tattiche alla persona sbagliata, questo avrebbe potuto significare una morte precoce, per il maestro stesso.



samurai rebellion duel



Anche il Karate e il kobudo possiedono una storia basata sulla segretezza. Dopo l'invasione dei guerrieri Satsuma, la pratica del tode e del kobujutsu fu condotta lontano da occhi indiscreti.
I Satsuma utilizzavano i metsuke (informatori), che erano anche troppo felici di fare rapporto o addirittura estinguere un comportamento sospetto.
Non era solo la minaccia di una morte prematura che teneva ermeticamente chiuse le labbra di un istruttore. Sia il Giappone che Okinawa si svilupparono sotto la filosofia confuciana.
Anche l'attuale epoca moderna ha le sue proprie scuse per la segretezza nell'insegnamento.
Non è una particolare esigenza di segretezza tattica che mantiene gli insegnanti avari di spiegazioni. Più spesso che no, si tratta di una necessità per mantenere gli studenti. Se un insegnante moderno con qualifiche limitate insegna tutto ciò che sa, gli studenti inevitabilmente si stancheranno di praticare con lui. Alcuni allievi possono avere la capacità naturale di superare il maestro e andare oltre ciò che gli è stato insegnato, ma poi l'istruttore si può preoccupare che lo studente possa aprire una scuola vicino e gli porti via gli studenti (o semplicemente che possa diventare migliore, il che può fare male all'ego). Una scommessa sicura è mantenere gli studenti interessati e ad un livello di abilità relativamente basso è di istituire vari gradi di segretezza.
C'è una ragione per occultare parte della conoscenza che non abbiamo discusso, ed è forse il più importante. Così come nei primi giorni della formazione del karate o oggi in un dojo moderno, la possibilità di avere "studenti ribelli" esiste. Nonostante l'esperienza di un insegnante e l'intuizione, alcune persone sono in grado per molto tempo di nascondere ciò che è nei loro cuori. All'apparenza uno studente potrebbe sembrare serio nella pratica, prudente e onorevole, ma in fondo potrebbe essere manipolativo e subdolo. Alcuni dei più importanti artisti marziali della storia sono caduti preda di "discepoli" carismatici che hanno fluito potere e influenza da loro.
A parte gli aspetti politici, insegnare a uno studente ribelle gli aspetti più debilitanti, mortali, ed efficaci di un'arte non è solo deplorevole, ma pericoloso per la società nel suo complesso.
In verità, non sarebbe più sicuro solo per insegnare le basi e non rischiare?
Il compito di trovare uno studente onorevole e aiutarlo a raggiungere i livelli più alti dell'arte è un compito monumentale. Dopo aver raggiunto a un certo livello, l'istinto e la tradizione di lasciare che l'insegnamento non vada oltre è molto forte. Dopo tutto, è stato fatto in questo modo per generazioni.
Tuttavia, in quest'epoca moderna, è opportuno (e anche vitale) per gli insegnanti attirare gli studenti ai bordi della propria comprensione dell'arte .
Oggi, è molto improbabile che gli artisti marziali della stessa scuola possano apparire sui lati opposti di un campo di battaglia. Né è probabile che si trovino ad affrontare altri artisti marziali che hanno ricevuto informazioni riservate circa le loro tattiche. Invece, è più probabile che gli allievi incontrino la violenza per strada. La lungimiranza tecnica non dovrebbe essere un problema, la pratica funzionerà o non funzionerà in base alla qualità, non alla segretezza.
Pertanto, è dovere di ogni istruttore dare tutto il possibile al fine di aiutare gli studenti a proteggere se stessi e i loro cari. Dopo anni di conoscenza reciproca tra alunno e docente si può prendere una decisione sulla condivisione di una più approfondita conoscenza nella speranza che lo studente possa portare avanti la desiderata "via".
Portare un allievo al proprio stesso livello di abilità è fondamentale anche per la crescita di un istruttore. Per quanto riguarda le abilità e le conoscenze, mentre strategicamente mantenere gli studenti ad un livello inferiore è un modo molto efficace per non crescere mai. Se, tuttavia, un insegnante sarà attivo con i propri studenti, sarà poi sfidato a migliorarsi ancora di più per continuare a condividere e aiutare gli studenti stessi.
Questo post e questo blog sono parte di questo processo. Se io veramente non lo capisco, allora non posso aiutare gli altri a capire.
suspicious eyes



1 commento:

  1. Thanks for a marvelous posting! I quite enjoyed reading it, you're
    a great author.I will be sure to bookmark your blog
    and will eventually come back down the road. I want to encourage
    you to ultimately continue your great posts, have a nice evening!


    Here is my homepage dating sites - bestdatingsitesnow.com,

    RispondiElimina